Di Rabarbaro in Frasca

DiRF-intero

vini naturali e musica buona: mai più senza
Associazione di Promozione Sociale costituita da: Flavia, Teo & Martina

“[...] Il rabarbaro, quindi, è utilizzato come droga lassativo – stimolante, come droga digestiva ed eupeptica, ma anche come droga dalle proprietà astringenti, che limita cioè l’azione lassativa della droga stessa. Questo è anche il motivo per cui il rabarbaro – tra le diverse droghe antrachinoniche, in relazione all’intensità dell’effetto lassativo e degli effetti indesiderati – è meno attivo dal punto di vista lassativo – stimolante. Come anticipato, i tannini contrastano l’attività degli antrachinoni, per cui l’effetto del fitocomplesso rabarbaro è molto più facilmente modulabile, in senso terapeutico, rispetto alle altre droghe. I tannini sono presenti in tutti i tessuti della droga, all’infuori delle strutture con colorazione rossa.” (vedi cit. in calce)

Se cercate di evincere di cosa si occupa DiRF da questa breve introduzione, state andando bene. Perché DiRF nasce dalla voglia di porre attenzione alle cose: un consumo culturale e colturale consapevole è l’unico consumo sostenibile. Perché le nostre idee sono ragionate e voi potete farne parte.

DiRF è anche uno spazio, che ospiterà mostre di pittura e illustrazione, talks, progetti di residenza e musicali, ma soprattutto sarà portavoce di Festival locali che porranno attenzione al tempo dell’uomo: come lo investe, di cosa si nutre, cosa ascolta, cosa guarda, cosa beve, perché.

DiRF inaugurerà ad Aprile 2019, con una mostra collettiva per presentare i suoi spazi, mentre si esprimerà a Maggio, con Gusto Nudo Festival, biennale conviviale sul vino, sul cibo e sulle arti per poi proseguire il suo viaggio.

Scriveteci qui: dirabarbaroinfrasca@gmail.com 

Presto altri link su cui trovarci.

°°°

Qui ci raccontiamo così (direttamente dall’Atto Costitutivo):

1 ° Divulgare la musica in tutti i suoi generi e le sue espressioni, attraverso l’organizzazione di concerti, festival, work-shop, laboratori e incontri formativi di vario genere.

2 ° Promuovere la conoscenza della produzione agricola di qualità intesa come forma artistica, organizzando eventi legati all’enogastronomia e all’ambiente, dove il rispetto del territorio e il suo rapporto con l’uomo sono le principali forme di espressione utilizzata.

3 ° Promuovere e divulgare le arti in generale con l’organizzazione di attività culturali rivolte ai giovani e alle famiglie.

4 ° Organizzare eventi e fiere, aperti al pubblico e ad operatori del settore, legati ai temi succitati, arti, agricoltura e prodotti enogastronomici  con particolare attenzione ai temi della sostenibilità e della consapevolezza dei consumi.

5 ° Svolgere ogni altra attività connessa o affine a quelle sopraelencate e compiere, sempre nel rispetto della normativa di riferimento, ogni atto od operazione contrattuale necessaria o utile alla realizzazione diretta o indiretta degli scopi istituzionali.

Le attività di cui al comma precedente, o quelle ad esse direttamente connesse, sono rivolte agli associati ed a terzi, e sono svolte in modo continuativo e prevalentemente tramite le prestazioni personali, volontarie e gratuite dei propri aderenti. In caso di necessità è possibile assumere lavoratori dipendenti o avvalersi di prestazioni di lavoro autonomo, anche ricorrendo ai propri associati.

DiRF-acronimo

[...]

Settembre 2018