Libertà in fiore

Dai a un uomo quel che è dell’uomo/e si vergognerà sotto uno sguardo bieco/raccontagli che dal gesto/la pietra parla d’oro/e la luce è solo un sottile strato/sotto la superficie.

Si dice/che chi nasce in silenzio/avrà cura delle proprie parole:/mai sottovalutare la passione di un attore/e le sue ore passate a credere/di credere d’essere chi:/non tutti i vivi dicono la verità.

Dai al sole/la rotondità dei tuoi sospiri/e i rantoli accartocciati dal grigio lasciali/ai marci d’amore:/che si pentano per risanarsi in tempo.

e Dai al tempo un lasso in eterno/ma tieni tu la parte del manico/e avanza cauto/e attento.

E’ lento/il susseguirsi degli errori/mai come quanto il suo svelarsi:/uno ad uno a contar la somma/di un predatore affamato:/é errato correre a giudizi/come questa canzone e i suoi indizi: ripari.

Non tutti i santi/ muoiono felici e non tutte le scie/sono degli aerei le più sane libertà:/aria a chi saprà volare/ e in eterno il suo sorriso/nelle venature di un fiore in fiore/vivrà.