Tag Archive for etiquette

6 – Dopo te qualcosa d’altro, feat. Alosi con “1985″

Episodio 6 Quella che state osservando e che sembra brillare, è stata la mia terra dopo le parole de Il Bello. All’epoca avevamo fatto davvero come ci suggerì, la popolazione si era insospettabilmente fidata: avevano bruciato tutti i loro averi. Questa foto me l’ha data Ouò, la conservo per occasioni come la nostra; vedete? Quello lì a piedi sono io.…

5 – Poi arrivò Il Bello, feat. The Sweet Life Society con “Manifesto”

Episodio 5 “Mi chiamo Il Bello, mi sono sempre chiamato così. Ho molti anni, troppi perché voi li possiate contare. Tu, dì un numero, spara.” Il Bello si era presentato a casa nostra il giorno dopo che la piccola strage di Moudry aveva avuto inizio. Era pieno di schifo addosso, mutilato, cieco, infangato. Avrei detto tutto tranne Bello, quindi ho…

4 – Non sarà il sole a scioglierci tutti Moudry! feat. I Hate My Village

Episodio 4 Con un bastone al basalto mescolava il sole, ignorando il resto dell’umanità che intorno a lui urlava: avevamo tutti paura che volesse farci secchi, proprio ora che ci eravamo ambientati al prato, all’aria buona. E facevamo bene ad averne, sembrava avversarsi quello che più avevo temuto: Moudry detestava veder crescere delle piante intorno a sé, detestava lasciarsi “infestare”…

2 – L’altra faccia feat. Capofortuna da “Crush on you”

Episodio 2 – Eccola, è lì! – Ed è ancora tutta intatta! – Roy parlava di aver colpito un sasso, ma che sasso e sasso… – Ascolta, come facciamo? Abbiamo pochissimo tempo. – Io direi: usciamo fuori di qui – che si crepa di freddo, i guanti li hai no? – Sì, certo. – Bene, quindi, usciamo al tre, ci…

1- La Nuova Costellazione feat. GoDugong con “Curaro”

Episodio 1 Mi chiede di cacciare quelle stelle, di puntare in alto e di puntare bene. Purtroppo ho solo due lance affilate, ma corte. Sto qui perché Ouò me lo ha chiesto. Mi ha detto: metti tutto in ordine lassù. Così ho preparato le mie lance e le ho lanciate insieme. La prima però ha preso un sasso, invece di…

*4 Cascina Tavijn feat. Gianluca Cannizzo

  Del vitigno innamorata Mi ha fissato per anni interi. Era lì, con lo stelo in bocca, una foglia in cima e due occhi neri, tondi, piccolissimi. L’aria furba e i capelli belli, tenuti scomposti da un’acconciatura fatta a scappare. Aveva una maschera che le copriva parte del volto, una di quelle maschere che si pensa possa avere solo Zorro. Zorro…

*3 La Marca di San Michele feat. Renato Gasperini

  Saltatempo Ci sono indiani e indiani. Io sono un indiano regionante. Nello specifico rappresento la regione delle Marche. Non ho un collo, non un corpo, ho solo il volto, ma sicuramente ho moltissimi anni. Prima delle Marche, c’ero io. Porto una fascia, non in testa come si usa pensare, ma sugli occhi: nessuno vede quello che vedo e io vedo…

#6 Patrick Van Vliet feat. XXX

  The sunset Jerry, look. What, Missy, where? Jerry, could you, I mean… Missy, I don’t understand you. I mean, if you only Tell me, Missy, my dear, I don’t understand you Jerry, the palm. Yes, Missy, a palm. I see many. So, Jerry, look, that one… could you Tell me, Missy, what? Could you only… avoid it. The palm?…

#5 Francesco Serra feat. Trovarobato

  L’uomo lichene L’ho sempre fatto, sempre. Soprattutto quando mi ridevano in faccia. Anzi, era proprio quando mi ridevano in faccia che lo facevo ancora di più. Con più convinzione, con più necessità. Con più desiderio: non mi è mai piaciuta l’eccessiva razionalità degli uomini. Stivali alti, di gomma verde, e pantaloni inzuppati, dentro gli stivali alti. Facevo così perché…

#4 Claudia Rafael feat. Àlden Records

  Il pittore più bravo C’è un pappagallo dalle piume oro che picchietta gli artigli su tizzoni di carboncino, non soffre la forza di gravità e se ne sta, come un picchio, di lato alla parete, bianca come il dopobarba di mio nonno. Mio nonno dipingeva, ogni primavera e tutti gli inverni; dipingeva nel suo studiolo, all’aria aperta sopra il…

#3 Pasquale De Sensi feat. Woodworm

  Non sembri come sei L’ha fatta facile lui, senza uomini né donne tra i piedi poi. Non mi va neppure di dire che io ce l’ho messa tutta, equivarrebbe a sminuirmi: io ce la metto già tutta. Anzi, io ci vivo con questa cosa. Ma non posso tirarmi indietro, devo rispondere, dispongo dei suoi stessi mezzi, solamente la pensiamo…

#2 Zamoc feat. Degustibus

  A scuola hanno disegnato un frigiolidio metodico Tante spille da balia, di fianco a pistoni su di un rastrello che sgambetta in modo corinzio. Si dice così, si dice corinzio? Non ha occhi ma passa inosservato al centro del disco, scivola dietro. Allora poi, questo rastrello che prima mi sembrava un rastrello, oggi decido che è un animale. Un…

#1 Laucolo feat. Anoma

  Una finestra sulla serra  L’inverno è lungo e può essere molto, molto grigio qui a Montréal. Si prende tutto il tempo della primavera e spesso la neve continua a cadere anche quando in altri paesi è appena arrivata l’estate, questo me lo hanno raccontato loro. Le temperature scendono sotto lo zero e raggiungono cifre che superano di gran lunga…